Sede: Via Serralunga, 41, 13900 Biella | info@novacivitas.it

coltivarelacitta

Coltivare la città è la condizione necessaria per tornare a vivere felici in comunità che integrano l’agricoltura nel tessuto urbano.

 

In questi termini Coltivare la città assume un significato di riflessione ma anche di proposta concreta sull’urgenza di rigenerare le nostre città a partire dall’uomo e dal suo rapporto con la natura.

Il progetto si attua ampliando il territorio cittadino grazie all’innesto del campo urbano con il campo agricolo circostante la città.

Dall’agricoltura facciamo ripartire una nuova architettura responsabile e sensibile che non cementifica, ma porta con sé la terza rivoluzione industriale: energetica, sociale, ambientale, alimentare e comportamentale.

 

 

LA RISAIA SUL TETTO

In occasione di Expo 2015, novacivitas ha allestito “Coltivare la città – La risaia sul tetto”, un campo agricolo urbano di 750 metri quadrati sul tetto del Superstudio Più a Milano, sviluppato intorno al segno del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto.

 

LEGGI

 

 

baronaIn collaborazione con Lorenza Daverio abbiamo attivato un progetto sociale con Barona, un quartiere della periferia sud di Milano. Superstudio Più e la Barona appartengono alla stessa circoscrizione (Zona 6) ma rappresentano due microcosmi profondamente diversi: la Milano più esclusiva e la Milano popolare.

L’orto diventa un giardino sociale attivando la collaborazione con COAAS, associazione della periferia Barona, che cura l’orto e ne distribuisce i prodotti alle famiglie in difficoltà. L’intento è quello di riportare la natura negli agglomerati urbani per rigenerare il territorio favorendo il concetto di inclusività, affinché l’arte appartenga a tutti e diventi uno strumento di aiuto per creare comunità sociali solidali e felici.

stradarisoLa Strada del Riso unisce tutte le eccellenze del territorio e promuove il riso e il suo affascinante patrimonio di comuni, agricoltori, ristoratori, albergatori, associazioni, musei, pro loco ed enti pubblici e privati.

La Strada del Riso accoglie i suoi ospiti e attraverso le sue Porte d’ingresso di Buronzo, Vercelli e Trino, li invita e li accompagna in un territorio attraversato da vie d’acqua e di terra battuta, strade ferrate e sentieri. Vivere la Strada è percorrere un territorio con tutti i sensi e scoprire tutte le sfumature di un buon piatto di riso.

La Strada è spazio di incontro tra eccellenze storiche del territorio: musei, biblioteche e archivi, opere d’arte, architetture civili e religiose, una sinagoga, percorsi di pellegrinaggio e luoghi di valenza culturale.

Hai nel cuore un’area verde in abbandono? Dagli la possibilità di rifiorire, con il concorso online di Stiga!

Ecco il contest che premia le tue idee e fa del tuo mondo un posto migliore.

Mettersi in gioco è semplice: bastano creatività e voglia di condivisione.

Il primo passo è visitare il sito www.stigabetterworld.com e la pagina Facebook http://www.facebook.com/stiga dedicati al concorso, dove sarà possibile valutare i progetti già presentati e inserirne uno nuovo, segnalando lo spazio verde in abbandono (giardino, parco pubblico, campo o terreno che sia) proponendo un’idea per farlo rifiorire.

Sarà possibile partecipare, condividere e votare i progetti in concorso fino al 31 luglio 2015.

Al termine di questa fase, Stiga sceglierà il vincitore del ricco premio in palio: un voucher del valore di 3.000 euro, spendibile in macchinari per il giardinaggio a marchio Stiga

vapore-620x874L’opera di Marica Moro raffigura un grande vaso da cui nascono due enormi chicchi di riso, uno degli alimenti più consumati e diffusi nel mondo, e si inserisce nell’orto sul tetto di Superstudio che si trasforma in risaia, al centro del Progetto Terzo Paradiso Coltivare la città di Michelangelo Pistoletto, uno spazio dedicato al tema uomo-natura-design.

L’installazione dell’artista (sponsor tecnico Matteo Brioni) fa parte di un percorso già cominciato nel 2014 con altre due installazioni di grandi dimensioni presentate sia a Venezia allo Spazio Thetis che a Milano, nell’ambito del progetto “Coltivare la città”, di Novacivitas e Cittadellarte della Fondazione Pistoletto.

 

 

 

 

Resta aggiornato